Merqurio Blog

Cigna Europe, un'indagine rivela gli effetti positivi del lockdown su lavoro e vita sociale

05/06/20 16.41 / di Diego Pascarella

Cigna Europe, società leader nel settore delle assicurazioni sanitarie, ha condotto una nuova ricerca che rivela gli effetti del lockdown dovuto all'emergenza COVID-19 sul lavoro e sulla vita sociale e come questi differiscono da un paese all'altro.

Tra gli aspetti principali sono stati approfonditi il grado di soddisfazione generale lavorativa, i rapporti professionali e lo stress legato al lavoro.

Smart Working

Il 90% dei lavoratori britannici afferma di mantenere buoni rapporti con i propri colleghi nonostante il lavoro da casa, rispetto all'86% di gennaio; mentre il 66% dei lavoratori spagnoli dichiara di mantenere un buon equilibrio tra lavoro e vita privata, rispetto al 62% di gennaio.

Tendenzialmente, le persone intervistate hanno dichiarato che lo smartworking ha migliorato la loro vita lavorativa, nonostante un numero rilevante di individui affermi di lavorare oltre l’orario prestabilito. In Regno Unito, il 59%, rispetto al 48% di gennaio, ad esempio - dichiara di essere incerto o addirittura scettico sulla loro stabilità lavorativa. In Spagna, il 40%, rispetto al 36% di gennaio. In Cina si è registrata una maggiore flessibilità nelle giornate lavorative attribuita alle misure di telelavoro (75%). In Spagna lo stesso numero sale all'80% e in Thailandia al 90%. Inoltre, la ricerca evidenzia che durante la crisi i lavoratori in tutto il mondo sentono di essersi avvicinati maggiormente ai propri colleghi. Il 64% degli intervistati concorda sul fatto che il lavoro da casa e l'utilizzo di tecnologie per comunicare abbia snellito i rapporti con i colleghi, rispetto al 9% delle persone che affermano il contrario.

Stress problema di salute a livello mondiale

Nonostante i numeri positivi riguardo lo smartworking, lo studio COVID-19 Global Impact Study di Cigna conferma che lo stress rimane un problema di salute a livello mondiale, con livelli di stress complessivamente elevati, nonostante l’indagine rilevi un lieve calo proprio in questo periodo. L'82% degli intervistati dichiara di essere sotto stress, percentuale diminuita di 5 punti rispetto all'inizio dell'anno. Gli inglesi e gli spagnoli riferiscono di essere notevolmente meno stressati rispetto all'inizio dell'anno, quando si dichiaravano stressati il 78% dei primi e il 77% dei secondi passando rispettivamente al 68% e 64% nel contesto attuale. Lo studio conferma inoltre che le cause dello stress variano notevolmente per natura e prevalenza, spaziando dalle finanze personali e dagli sviluppi del proprio lavoro, alla salute e alle relazioni.

"Non importa dove, quando e in quale forma sia avvenuto, il passaggio al lavoro a distanza è stato uno dei cambiamenti più significativi generati dal lockdown legato al COVID-19", ha dichiarato Arjan Toor, CEO di Cigna Europe. "Alcuni trend evidenziano che, nel complesso, il lavoro da casa ha contribuito a migliorare la vita lavorativa delle persone, suggerendo che abitudini lavorative probabilmente cambieranno in modo permanente una volta terminato il lockdown. Nonostante la pandemia abbia causato a tutti noi stress presentandoci sfide significative, è incoraggiante notare che, in questo periodo, alcuni casi confermano che le persone sono più soddisfatte del loro benessere lavorativo".

Con l'avvento del lockdown, la domanda di assistenza sanitaria virtuale è cresciuta in tutto il mondo. Nel Regno Unito, più della metà degli intervistati (52%) afferma di prediligere appuntamenti sanitari virtuali piuttosto che quelli di persona, mentre il 43% preferisce avvalersi della sanità virtuale al posto del supporto sanitario generale, come gli appuntamenti dal medico di base. In Cina, Hong Kong e Thailandia la preferenza per soluzioni sanitarie virtuali al posto di appuntamenti di persona supera il 60%.

Toor continua "Da gennaio, il numero di appuntamenti sanitari virtuali a cui partecipano i nostri clienti è aumentato di 6 volte e riteniamo che si tratti di un cambiamento permanente. Stiamo investendo in nuove soluzioni sanitarie integrate che aiutino le persone a gestire la loro salute, sia mentale che fisica, e forniscano trattamenti quando e dove è necessario".

Il COVID-19 Global Impact Study è soltanto il primo di una nuova serie di studi di Cigna per comprendere meglio l'impatto globale della pandemia COVID-19 sul benessere delle persone. L'indagine 360 Well-Being di Cigna, infatti, delinea le percezioni sulla salute e sul benessere, includendo anche un indice relativo al benessere fisico, familiare, sociale, finanziario e lavorativo calcolato dal 2014. L’edizione di quest’anno ha coinvolto 10.204 persone in paesi quali Regno Unito, Cina, Hong Kong, Singapore, Spagna, Thailandia, Emirati Arabi e Stati Uniti nel periodo compreso tra gennaio e aprile 2020, durante la pandemia COVID-19.

Topics: covid-19, cigna

Diego Pascarella

Scritto da Diego Pascarella

Puoi avere tutto, scegli

Lists by Topic

see all

Tag

See all

Più recenti