Merqurio Blog

Merck, annunciato il vincitore del Future Insight Prize 2020

16/07/20 16.37 / di Diego Pascarella

Merck, una delle più importanti aziende scientifiche e tecnologiche, leader nel settore Healtcare. Life Science e Performance Materials, il 13 luglio 2020 ha annunciato il vincitore del Future Insight Prize 2020, un premio del valore di 1 milione di euro.

A trionfare, grazie alle sue ricerche scientifiche sulla lotta contro i batteri multiresistenti, è stato il Prof. Stephan Sieber, 44 anni, professore di Chimica Organica all'Università Tecnica di Monaco. L'argomento di quest'anno è stato il "Multi-Drug Resistance Breaker" e Sieber e il suo gruppo di ricerca presso l'Università Tecnica di Monaco, in Germania, si sono messi in mostra grazie ai loro lavori su come superare la resistenza agli antibiotici.

Solo grazie alla ricerca e alle soluzioni innovative saremo in grado di vincere la lotta contro la resistenza antimicrobica a livello globale. Mi congratulo di cuore con il Prof. Stephan Sieber per il suo lavoro. Ed è mio desiderio vedere molti scienziati e aziende impegnarsi in questo vitale settore della ricerca sulla salute ", ha dichiarato Jens Spahn, ministro federale tedesco della Salute, nel suo discorso in onore di Sieber.

La resistenza antimicrobica rappresenta un grave rischio per tutta l'umanità. Minaccia ogni progresso medico che ricercatori e sviluppatori stanno perseguendo in tutto il mondo. Ecco perché siamo orgogliosi di poter supportare Stephan Sieber: un brillante ricercatore che si è dedicato a questo argomento estremamente complesso. Noi di Merck siamo impegnati da anni nella lotta contro la resistenza antimicrobica e la scorsa settimana abbiamo lanciato un nuovo fondo di sviluppo insieme ad altre società ", ha dichiarato Stefan Oschmann, Presidente del Consiglio di amministrazione e CEO di Merck.

A spiccare, tra i progetti di ricerca di Sieber, quello che si concentra sul PK150, un antibiotico capace di bloccare i batteri multi-resistenti. Al gruppo di ricerca di Sieber, infatti, si deve l'identificazione di due modalità di azione del PK150: la prima, che interferisce con il metabolismo energetico dei batteri; la seconda che aumenta l'attività di una peptidasi del segnale, facendo esplodere i batteri, così distruggendoli. 

Già in passato, Sieber ha ricevuto numerosi premi, tra cui il Klung Wilhelmy Science Award e il Klaus Grohe Prize.

"Vorrei accettare il Future Insight Prize a nome di tutto il mio gruppo di ricerca", ha affermato Sieber. "Il premio ci aprirà molte nuove opportunità." Uno di questi obiettivi è ottimizzare PK150 e la fase successiva della ricerca si rivolge allo sviluppo clinico di PK150.

I batteri resistenti agli antibiotici sono un tema molto delicato: secondo le attuali stime della Federazione internazionale dei produttori e delle associazioni farmaceutiche (IFPMA), infatti, circa  700.000 morti all'anno sono attribuibili a loro. 

L'impegno di Merck, che ha unito le forze con altre società farmaceutiche, a sostegno del Fondo d'azione AMR mira ad aiutare le aziende biotecnologiche a sviluppare da due a quattro nuovi antibiotici e a renderli disponibili per i pazienti entro la fine del decennio per evitare lo scenario peggiore che prevede fino a 10 milioni di decessi all'anno entro il 2050.

Merck supporta scienziati e giovani ricercatori

Merck non si ferma solo al Future Insight Prize, ma con il premio Johann Anton Merck, assegnato per la prima volta quest'anno, mira a onorare la straordinaria ricerca preclinica nel campo dell'oncologia e dell'autoimmunità. 

A vincere il premio Johann Anton Merck è stata la Prof. Caroline Dive, 58 anni, del Cancer Research UK Manchester Institute, Manchester, Regno Unito, che ha ricevuto il premio di € 30.000.

"Caroline Dive è una scienziata di fama mondiale il cui lavoro sulla circolazione delle cellule tumorali e delle biopsie liquide ha rivoluzionato il modo in cui diagnostichiamo il cancro", ha affermato Belén Garijo, membro del Consiglio Direttivo di Merck e CEO Healthcare. "Siamo molto lieti di riconoscerla come la prima vincitrice del premio Johann Anton Merck e non vediamo l'ora di collaborare insieme per aiutare a far avanzare la scienza in oncologia."

L'impegno della Dive e del suo team, di circa 100 persone, presso il Cancer Research UK Manchester Institute, Università di Manchester, Regno Unito, prevede ricerche oncologiche pre-cliniche sui biomarcatori, per informare il trattamento dei malati di cancro. Uno dei punti chiave del suo lavoro è il cancro ai polmoni e la sua gestione mediante biopsie liquide. In particolare, studia le cellule tumorali che circolano nel sangue di un paziente - un metodo che potrebbe far fronte alla necessità di campioni di tessuto per diagnosticare i tumori e nel 2017 è stata nominata comandante dell'Ordine dell'Impero britannico per i suoi servizi alla ricerca sul cancro.

Il premio Nature Spinoff, invece, è stato istituito dagli editori di Nature Research in collaborazione con Merck per mostrare e celebrare l'eccellenza globale nella commercializzazione della ricerca accademica attraverso la creazione di società spin-off. A vincere il premio del valore di € 30.000 è stata la Sibel Health, spin-off della Northwestern University, Illinois, US. 

Maggiori informazioni sulla squadra vincitrice, gli altri 11 finalisti di oggi e altre 32 società promettenti selezionate dalla giuria come "quelle da tenere d'occhio" sono disponibili qui .

I tre premi - Future Insight Prize, Johann Anton Merck Award e Nature Spinoff Prize - sono stati assegnati oggi al Future Insight Virtual Event. Tutti e tre i premi verranno nuovamente consegnati l'anno prossimo alla Curious 2021 - Future Insight Conference.

Topics: Merck, Premio Merck

Diego Pascarella

Scritto da Diego Pascarella

Puoi avere tutto, scegli

Lists by Topic

see all

Tag

See all

Più recenti